all'aperto

Dan Graham

Two Way Mirror / Hedge Arabesque
2014

Installazione permanente

Dan Graham è nato a Urbana, Illinois, USA, nel 1942. Vive e lavora a New York. Artista, saggista, curatore, critico d’arte e musicale, è uno dei padri dell’Arte Concettuale. Nel 1964, organizza la prima mostra dell’amico Sol LeWitt, cui seguiranno quelle di Donald Judd, Dan Flavin, Robert Smithson. Negli anni Settanta, crea performance, video e film, con i quali analizza i comportamenti del pubblico. Dagli anni Ottanta, intraprende la creazione di padiglioni in vetro e acciaio, che fondono insieme scultura, architettura e design, per innescare una modalità di visione dell’opera che accolga immediatamente lo spettatore e lo ponga al centro dell’esperienza.

Graham ha un curriculum fittissimo. Nel 2014, il De Pont Museum di Tilburg, in Olanda, gli ha dedicato l’antologica Models and beyond. Nel 2009, una sua grande retrospettiva (Beyond) ha toccato il MOCA di Los Angeles, Whitney Museum di New York e Walker Art Center di Minneapolis. Nel 2006, è stata la volta del Castello di Rivoli. Nel 2001/2, ad accogliere un’altra retrospettiva dal titolo Dan Graham, Works 1965 – 2000 sono stati il Musée d’Art Moderne de la Ville di Parigi, il Kroller-Muller di Otterlo, NL, e il Kiasma di Helsinki.

Graham ha partecipato a numerose Biennali di Venezia (1976, 2003, 2004, 2005), alle Documenta V, VI, VII, IX, IX e X di Kassel (1972, 1977, 1982, 1992 e 1997), e allo Skulptur Projekte di Münster (1987, 1997). Nel 2010, è stato premiato dall’American Academy of Arts and Letters di New York.