News

05.03.2019 | casa zegna

Dai Taccuni di Ermenegildo Zegna la nuova capsule collection per New York

Lettere e numeri che rievocano i quaderni conservati nell’Archivio. Così outwear e accessori, in esclusiva per il nuovo store di Manhattan, rendono omaggio a Ermenegildo Zegna e all’arte del fare a mano

Sono la memoria dell’attività del Lanificio, dalla fine degli anni Venti alla fine degli anni Cinquanta. Idee, progetti, formule e ricette per la creazione di tessuti, i prezzi della lana, i costi della tintura e dei filati, le schede tecniche dei prodotti… Ermenegildo Zegna sui taccuini annotava di tutto e li portò con sé quando, nel 1938, partì per il suo primo viaggio a New York.

All’epoca erano chiamati genericamente “Libretti per calcolo tessuti fabbricati”, ma ognuno di questi preziosi quaderni conservati nell’Archivio a Casa Zegna reca sulla copertina una dicitura specifica (come “Ricettario tintura in pezza anni 1928” o “Campionari Inverno anno 1930/31”) e racchiude la storia di una stagione. Nei libretti del periodo bellico, per esempio, si trovano interessanti informazioni sulle commesse per tessuti militari, sulle disposizioni o le scelte di mercato dovute al momento storico e sulle leggi entrate in vigore riguardanti la produzione o la vendita di tessuti.

Ma il loro valore non è solo storico: oggi i quaderni personali di Ermenegildo Zegna hanno ispirato un’esclusiva capsule collection, dal nome Taccuino, presentata proprio a New York, in occasione dell’inaugurazione del global store all’interno del Crown Building, a Manhattan. Un omaggio a Ermenegildo Zegna, ma anche all’arte di scrivere e del fare a mano, con numeri e lettere che rievocano la calligrafia dei taccuini dando vita a trame e pattern di cardigan, outwear e accessori.

Ancora una volta l’Archivio Zegna con i suoi contenuti trasversali, dai campionari di tessuti alle immagini fotografiche ai documenti storici, si conferma una fonte inesauribile di ispirazione e un patrimonio in cui il processo creativo, con la sua spinta all’innovazione, affonda le radici.