News

16.03.2018 | casa zegna

Le Giornate FAI di Primavera con "L'arte della lana: impresa e cultura nelle opere di Ermenegildo Zegna e Ettore Olivero Pistoletto"

In occasione della ventiseiesima edizione delle Giornate FAI di Primavera, in cui saranno eccezionalmente visitabili più di 1.000 luoghi straordinari in tutta Italia, la Fondazione Zegna organizza a Casa Zegna un nuovo appuntamento alla scoperta della storia del territorio e della sua cultura.

Un viaggio nella lavorazione della lana, dal Medioevo ai giorni nostri, attraverso le Opere di Ettore Olivero Pistoletto: due giorni di scoperta dedicati allo stretto legame che a Trivero unisce da sempre impresa e arte, Zegna e Pistoletto, a beneficio del territorio. Un cammino comune iniziato quasi novant'anni fa, quando sul finire degli anni Venti Ermenegildo Zegna (1892-1966) incaricò il pittore valsusino Ettore Olivero Pistoletto (1898-1982) di realizzare un ciclo di graffiti raffiguranti le fasi dell'antica lavorazione della lana. Quelle immagini dovevano evocare il nesso ideale tra l'industria moderna e l'artigianato dei secoli passati, sottolineando l'origine genuina e manuale dei processi produttivi ormai meccanizzati, ma che non avevano perso (come ancora oggi) la loro umanità, cioè l'importanza dell'abilità dei lavoratori.

Tra il 1948 e il 1952 quei graffiti furono sostituiti da grandi tele. La "Sala quadri", visitabile eccezionalmente durante le Giornate FAI di Primavera 2018, assumeva le forme attuali con i dieci dipinti considerati il capolavoro di Ettore Olivero Pistoletto: arte come manifattura artigianale da apprendere (la "Sala quadri" è un efficace apparato didattico in chiave storica), arte come gesto trasformante la materia e la natura (la stessa sala è un invito alla riflessione sul rapporto tra l'uomo e ciò che lo circonda), arte come espressione della civiltà. Arte come luogo di incontro tra Homus Faber e artista.

Negli spazi espositivi di Casa Zegna sarà allestita una mostra temporanea con le riproduzioni dei graffiti di Ettore Olivero Pistoletto che furono commissionati all’artista da Ermenegildo Zegna alla fine degli anni Venti.

Inoltre, a grande richiesta, sarà possibile partecipare a visite guidate all'interno del Lanificio Zegna dove il pubblico potrà scoprire la lavorazione della lana al giorno d’oggi.

Per i bambini, sempre a Casa Zegna, sono in programma laboratori d’ispirazione montessoriana gratuiti, intitolati "Storie di feltro e di mani".

Sempre in occasione delle Giornate FAI di Primavera, torneranno sulle terrazze del Lanificio Zegna "Le Banderuole Colorate" realizzate all'interno del progetto di arte contemporanea "All'Aperto" da Daniel Buren.

 

IL PROGRAMMA

Sabato 24 e domenica 25 marzo

- Visite libere e guidate a Casa Zegna, archivio storico e spazio museale

orario: dalle 10.00 alle 18.00

- Visite guidate alla Sala Quadri e alle tele di Ettore Olivero Pistoletto

Orario: dalle 10.30 alle 18.00

- Visite guidate (solo su prenotazione e per maggiorenni) al Lanificio Ermenegildo Zegna: un'occasione unica per osservare l’intera filiera tessile, a garanzia della qualità e dell’eccellenza.

Orari delle partenze: 10.30; 11.30; 14.00; 15.00

Laboratori didattici per bambini (4-12 anni su prenotazione) Storie di feltro e di mani

orari: sabato dalle 14.00 alle 18.00 - domenica dalle 10.00 alle 18.00

- Visite libere alle installazioni di arte contemporanea del progetto ALL’APERTO

(Info: www.fondazionezegna.org/allaperto)

Tutte le visite e i laboratori sono gratuiti. La prenotazione è obbligatoria.

Visite a contributo libero a favore del FAI Fondo Ambiente Italiano.

 

INFO E PRENOTAZIONI

tel. +39 015.7591463

archivio.fondazione@zegna.com

Su tutto il territorio dell’Oasi Zegna e in particolare nei dintorni di Trivero, il Consorzio Turistico offre menù speciali (da non perdere l'Alpen Stube a Caulera - struttura disegnata da Luigi Vietti - e l'Agriturismo Oro di Berta, vecchio opificio in stile a Portula di Trivero).