News

25.01.2018 | fondazione zegna

Dall’archivio, l’ispirazione per la nuova collezione ispirata alla montagna

Presentata a Pitti Uomo la collezione A/I 2018/19 ispirata allo storico Gruppo Sportivo Zegna

Ricerca stilistica, innovazione e radici profonde sul territorio: la collezione Autunno Inverno 2018/19 della linea Z Zegna presentata nei giorni scorsi alle sfilate di Pitti Uomo rappresenta un tributo al paesaggio dell’Oasi Zegna e al leggendario Gruppo Sportivo Zegna (GSZ).

Fu Ermenegildo Zegna a volere fortemente, più di 80 anni fa, la costituzione di un’organizzazione sportiva, nel contesto di sviluppo territoriale e sociale che aveva messo in atto a Trivero. Il Dopolavoro Aziendale “Fratelli Zegna di Angelo” divenne negli anni Trenta il centro di aggregazione di un folto numero di persone che svolgevano diverse attività ricreative, culturali e discipline sportive. Oltre agli sport di montagna, alle bocce e all’atletica leggera, il podismo divenne il fiore all’occhiello della società: nel 1935 un gruppo di sportivi si classificò al 1° posto del “Campionato Nazionale di Marcia e Tiro per Dopolavoristi sciatori”, una sorta di biathlon a squadre dell’epoca.

La società, che dal 1998 ha assunto il nome di “Gruppo Sportivo Ermenegildo Zegna”, è tutt’ora un punto di riferimento sportivo e di aggregazione sociale importante soprattutto per i giovani in età scolare.

Anche in questa occasione dunque l’Archivio Zegna si conferma, con il suo ricco patrimonio di immagini e di documenti, una fonte importante di ispirazione per il direttore creativo del Gruppo Zegna Alessandro Sartori. Le atmosfere del passato, rievocate dalla mostra “Radici e Ali” esposta l’autunno scorso a Casa Zegna, vengono riportate all’attualità con le grafiche del Gruppo Sportivo Zegna. I colori delle montagne dell’Oasi Zegna: verde bosco, crocus, castagna, pino, giallo finferlo, ardesia e rosso bacca sposano il Techmerino nello sviluppo di un guardaroba performance-driven per l’uomo che ama gli spazi all’aria aperta.

La capacità di visione di Ermenegildo Zegna, che innescò un processo di trasformazione sociale e territoriale è diventata oggi impegno costante verso l’innovazione.