News

03.08.2017 | fondazione zegna

Formazione ostetriche, dal Mozambico una lezione di vita

Il progetto “Stand Up for African Mothers” di AMREF sostenuto da Fondazione Zegna che ha coinvolto finora quasi 200 donne

Ridurre la mortalità materna, neonatale e infantile attraverso la formazione di ostetriche e il rafforzamento delle competenze degli istituti di formazione statali impegnati nell'erogazione dei corsi di formazione. È questo l’obiettivo del “Progetto di formazione di ostetriche in Mozambico” di AMREF, sostenuto da Fondazione Zegna.

Le attività di formazione si sono rivolte in particolare al nuovo personale di ostetricia generale e al personale già operante in strutture sanitarie di ostetricia di emergenza, negli istituti di Inhambane e Massinga, nella provincia di Inhambane, e in quelli di Beira, nella provincia di Safala.

Due le linee guida seguite dal progetto: da una parte, la realizzazione di corsi di formazione e aggiornamento, e di programmi di educazione di qualità; dall’altra, la fornitura del materiale didattico e delle attrezzature necessarie agli enti di formazione sanitaria selezionati.

Per raggiungere gli obiettivi previsti sono stati formati 35 formatori di ostetriche, 121 studentesse si sono diplomate nel 2016 e 132 stanno frequentando i corsi. Se si considerano anche gli anni precedenti, in totale sono 192 le ostetriche di emergenza che sono state formate o in formazione, pari al 69% dell’obiettivo finale per il 2019: 275 ostetriche. A queste si aggiungono altre 63 studentesse che si sono diplomate questo luglio nel centro di formazione di Inhambane e Nhamatanda.

Tra gli ambiti di studio e approfondimento maggiormente apprezzati dalle studentesse figurano l’ambulatorio della gravidanza fisiologica, la facilitazione del parto attraverso il massaggio e l’individuazione dei segni di salute del neonato sano. Il numero di studentesse che supera gli esami è aumentato fino a raggiungere nel 2016 la percentuale del 94%.

empre nel 2016, agli enti di formazione sanitaria sono stati consegnati 290 kits di attrezzature (scrivania e tavoli) e 324 kits di materiale per l’apprendimento, in particolare libri.