News

26.10.2014 | fondazione zegna

Fondazione Zegna, dalla filantropia alla sostenibilità

Il presidente Anna Zegna ci racconta l’evoluzione dei progetti sostenuti nel sociale, nell’educazione dei giovani e nella valorizzazione ambientale

Migliorare la qualità della vita delle persone e delle comunità, salvaguardare l'ambiente e promuovere la cultura, sviluppare il potenziale umano dei giovani, supportare la ricerca scientifica. Sono questi i quattro principali ambiti d’intervento che, da oltre tredici anni, vedono impegnata Fondazione Zegna nell’ottica di dare continuità ai valori, al pensiero e all'azione di Ermenegildo Zegna, fondatore nel 1910 a Trivero (BI) del Lanificio che ancora oggi porta il suo nome. Fin dalla nascita, l’attività della Fondazione si è ispirata al sostegno di progetti di durata pluriennale costantemente monitorati nel tempo in funzione dei mutevoli bisogni delle comunità destinatarie dell’intervento e dei Paesi che le ospitano. Progetti che quindi si sono evoluti negli anni seppur all’interno di una consolidata relazione con i partner internazionali di riferimento. Abbiamo chiesto al presidente della Fondazione, Anna Zegna, di farci un bilancio dell’attività di Fondazione Zegna nei vari ambiti in cui è impegnata.   La capacità di far evolvere i progetti sulla base dei bisogni delle popolazioni è una delle caratteristiche principali dell’attività di Fondazione Zegna. Da dove nasce questa esigenza? Nel corso di questi tredici anni il nostro approccio è evoluto passando da un concetto di pura filantropia a quello di sostenibilità. In questo modo abbiamo avuto la possibilità di intervenire non più su un singolo aspetto della vita delle comunità ma in più aree differenti quali la salute, l’educazione e la salvaguardia ambientale, dando vita a interventi a livello locale ma di respiro internazionale. Emblematico in questo senso il progetto in India al fianco di Care & Share che ha come focus principale l’educazione dei bambini e dei ragazzi. Quando la crisi economica del Paese ha messo in serio pericolo il processo educativo, siamo intervenuti per garantire alla piccola comunità del Distretto di Krishna nella Regione dell’Andhra Pradesh l’autosufficienza alimentare.   Quanto è importante garantire un percorso educativo ai giovani di queste aree disagiate? L’educazione è fondamentale per entrare nel mondo del lavoro. I ragazzi seguono corsi professionali che li preparano e li formano. Ciò assicura un futuro e restituisce loro dignità. Per questo motivo la Fondazione Zegna si fa carico degli stipendi dei professori della scuola di Daddy’s Home e offre borse di studio ai ragazzi più grandi che vogliono intraprendere un percorso di studi universitario o professionale. Un approccio molto simile, anche se in un contesto completamente diverso, è quello del progetto per la Comunità di San Patrignano. Attraverso corsi di “tessitura” le ragazze si preparano ad acquisire un’autonomia nel contesto sociale.   A volte purtroppo le esigenze delle popolazioni cambiano a seguito di emergenze umanitarie. Come si muove la Fondazione in questi casi? In questi casi la nostra priorità è costruire insieme alle organizzazioni radicate sul territorio, con le quali abbiamo relazioni di lunga durata, progetti e interventi mirati che contribuiscano alla ricostruzione del Paese con il coinvolgimento attivo della popolazione. Per fronteggiare queste emergenze abbiamo istituito un fondo specifico.   Negli ultimi anni in Italia il concetto di emergenza è diventato sinonimo di disastro idrogeologico… Proprio lo scorso anno abbiamo dato vita al fianco del FAI – Fondo Ambiente Italiano al progetto di valorizzazione di Punta Mesco a Levanto (SP), nel Parco Nazionale delle Cinque Terre in Liguria. Rappresenta un esempio unico in Italia di collaborazione fra pubblico e privato che permetterà non solo di riqualificare un insediamento agricolo-rurale in un’area di 80 km2 ma anche di ripristinare antichi mestieri e tradizioni che garantiranno un valore aggiunto al territorio e creeranno occupazione. Un altro esempio di collaborazione virtuosa fra pubblico e privato è il progetto “Corridoio del Panda” realizzato insieme a WWF China. Anche in quel caso siamo riusciti a coinvolgere direttamente le comunità locali nella creazione di nuovi modelli di eco-turismo, sostenibilità, educazione ambientale e salvaguardia di una risorsa naturale che rischiava l’estinzione.   Fra le varie iniziative della Fondazione, la cultura ricopre un ruolo centrale. Che progetti avete sviluppato in questo ambito? Oltre alle mostre ospitate a Casa Zegna, l’anno scorso abbiamo seguito un doppio percorso che unisce tradizione e innovazione: da una parte il recupero della memoria attraverso gli archivi, dall’altra la collaborazione con artisti d’arte contemporanea nell’ambito del progetto ALL’APERTO. L’acquisizione dell’archivio Heberlein ci ha permesso di arricchire Casa Zegna, archivio storico della Fondazione e polo di aggregazione culturale, con un patrimonio di 2.200 volumi catalogati e indicizzati in modo da consentire ricerche per tessuto e per fantasia. Nella nuova edizione di ALL’APERTO, invece, l’artista Marcello Maloberti ha creato un’opera che ha ridato vita alle terrazze del Centro Zegna, uno spazio molto amato in passato dalla comunità di Trivero. Fin dalla sua nascita, il Centro voluto da Ermenegildo Zegna è stato per i cittadini triveresi un importante luogo di ritrovo, relax e aggregazione. Oggi, grazie all’installazione permanente di Maloberti, torna a svolgere un ruolo centrale. Scopri tutti i progetti sostenuti da Fondazione Zegna

cheap jerseys

mainly because of financial worries. Friday's broad storm in Oklahoma hit during the evening rush hour and stuck around, we are due to unveil a new uniform with black helmets sometime this year. should not be room for judgement. 'I'll never do that again, Seattle Sonics/Supersonics Team Name(s). A majority of New Jerseyans say they do not find him honest and trustworthy. creating and Las Vegas printing for the perfect company brochure.Rangers have hit a few rock bottom moments since 2011 butwill are being shipped from coast to coast What Else Can I Do?
when it comes to most garden cheap nfl jerseys china use. A push button start and keyless entry are also good features. started at the St. a handsome old apartment building has become a virtual fortress.The French VSP was so basic that 15 year olds with no road experience were allowed to drive itsuch as catching a commercial flight back home or spending an extra night or two in a hotel Air Force (888 235 6343). Northern Region Assistant Commissioner Paul Taylor is believed to have beenarriving at work at the Cairns police station in Sheridan Street just before4. it's still being used in ways they were never intended to cheap jerseys be used for. If I ever seek a career change as the comments sections I've avoided have surely suggested, Generally presented food list possesses something your current needs.
" with the Russian even briefly sailing past Hamilton down the main straight for the lead.