News

20.07.2018 | fondazione zegna

State of Fashion, il primo evento internazionale dedicato alla moda sostenibile e giusta ad Arnhem, in Olanda

Tra i progetti presentati, anche “Conscious Contemporary Craft: Creating Communities”, piattaforma promossa dalla Fondazione Zegna con il London College of Fashion, la tessitura di San Patrignano e Making for Change

Ultimi giorni per State of Fashion: il primo evento internazionale interamente dedicato alla moda sostenibile che si svolge fino al 22 luglio nel Melkfabriek di Arnhem (Olanda). “Searching the New Luxury”, alla ricerca del nuovo lusso, è il titolo della prima edizione a cura di José Teunissen, decano della scuola di design e tecnologia presso il London College of Fashion.

“State of Fashion vuole essere una piattaforma per progetti che mostrano, in modi diversi, che c'è molto di più nella moda rispetto al solo capo. Il valore del processo, la storia e le persone che creano l'abbigliamento o il tessuto contribuiscono a rendere un capo speciale. La mostra “Alla ricerca del nuovo lusso” esplorerà nuove definizioni di lusso come risposta alle urgenti domande ecologiche e sociali: meno rifiuti e meno inquinamento, più uguaglianza, benessere e inclusività”.
Così José Teunissen ha spiegato il tema e gli obiettivi di State of Fashion che fra i progetti coinvolge anche “Conscious Contemporary Craft: Creating Communities”. La piattaforma promossa dalla Fondazione Zegna con il London College of Fashion, la tessitura di San Patrignano e Making for Change, un’unità di formazione e produzione di moda con sede nel carcere femminile di Downview, nel Regno Unito.

Uno spazio per sperimentare e imparare gli uni dagli altri, una piattaforma per fare dell’artigianato e della moda degli strumenti di riabilitazione personale e cambiamento sociale: questi i punti di partenza di “Conscious Contemporary Craft: Creating Communities” che ha attivato una rete di scambi creativi e umani tra le quattro realtà coinvolte. Bethany Williams, designer di abbigliamento maschile laureata al London College of Fashion, ha lavorato con le donne del laboratorio di tessitura di San Patrignano, sperimentando fibre e materiali riciclati e nuove tecniche su telai tradizionali. Sono nati campioni di tessuti unici, fonte d’ispirazione per gli studenti del BA (Hons) Fashion Design Technology Menswear che hanno disegnato capi e accessori, poi passati nelle mani delle tessitrici di San Patrignano e delle carcerate del HMP Downview. Le donne hanno interpretato e realizzato i modelli degli studenti, scambiandosi - dall’Inghilterra all’Italia - messaggi, ispirazioni, doni. Così si è sviluppata la piattaforma, attraverso un circolo virtuoso di relazioni e iniziative utili per consentire alle donne di trasformarsi attraverso l'istruzione, l'apprendimento, le competenze. E ricostruire l'autostima e la fiducia in se stesse.