News

17.08.2017 | fondazione zegna

Un tutore per ogni minore, sogno possibile

Prosegue a gonfie vele il progetto del Cesvi sostenuto da Fondazione Zegna per l’integrazione socio economica dei minori stranieri non accompagnati in Sicilia

Realizzare un sogno. Un obiettivo difficile di per sé che, per qualcuno, diventa ancora più difficile da raggiungere. Come per i minori stranieri non accompagnati che vivono in Sicilia.

Proprio a loro Fondazione Zegna e Cesvi hanno dedicato il progetto “Un tutore per ogni minore” che prevede l’integrazione socio economica di questa categoria di giovani.

Nato nel 2016, il progetto prosegue anche quest’anno con segnali più che incoraggianti. I numeri parlano chiaro: 8 dei 12 ragazzi che hanno frequentato il corso di pizzaiolo proseguono il loro itinerario anche nel 2017, con tirocini formativi che li aiuteranno a raggiungere la regolarizzazione giuridica.

Nella seconda fase progettuale sono stati coinvolti 7 nuovi ragazzi. In totale, sono 26 i giovani che beneficiano del programma del Cesvi sostenuto da Fondazione Zegna. Un’esperienza che offre loro un’effettiva opportunità di inserimento nel mondo del lavoro e di stabilizzazione sul territorio. Non solo: in molti casi, all’inserimento lavorativo corrisponde anche la possibilità di creare una rete di relazioni e di avviare un percorso di autonomia abitativa.

“Da sempre volevo lavorare nell’ambito della ristorazione, per questo motivo ho scelto di iscrivermi all’Istituto Alberghiero – racconta Ayman Dib Youssef Abdou, uno dei 4 ragazzi che sono stati inseriti presso le aziende che li avevano ospitati - In poco tempo ho imparato tante cose e dopo due mesi i titolari già mi coinvolgevano in cucina come aiuto-cuoco. Vari clienti del ristorante mi hanno voluto conoscere e si sono complimentati con me per i piatti”.

Davvero un sogno, difficile, che si realizza.