News

28.03.2019 | casa zegna

Padre e Figlio: l’arte di Pistoletto ristabilisce i ruoli

A BIELLA, DAL 17 APRILE AL 13 OTTOBRE, LA MOSTRA IN TRE SEDI D'ECCEZIONE

“Si tratta di lasciare un’eredità ai padri”. È un messaggio chiaro, pur nella sua complessità, quello intorno a cui ruota la mostra “Padre e Figlio”, curata da Alberto Fiz, che dal 17 aprile al 13 ottobre mette a confronto le opere di Michelangelo Pistoletto e del padre Ettore Pistoletto Olivero nelle tre sedi biellesi di Palazzo Gromo LosaCittadellarte – Fondazione Pistoletto e Casa Zegna. Attraverso le proprie opere - inserite in un percorso espositivo realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Fondazione Zegna -, e nei video-dialoghi creati con il curatore e con Anna Zegna, Pistoletto esprime il rapporto padre-figlio in maniera inedita, non unidirezionale: lasciare ai padri un’eredità, anziché affidare unicamente ai figli la responsabilità di comunicare il sapere e le passioni dei genitori.

“La mostra, ricca e variegata, consente una lettura a più livelli rispetto ad un tema di grande attualità - spiega Alberto Fiz -. Partendo dal dialogo tra Michelangelo Pistoletto e suo padre, è possibile interrogarsi sui concetti di tempo storico e tempo soggettivo, ma anche sulla necessità di accettare le differenze da cui può scaturire, persino, un’intima complicità”. Oltre cento, le opere esposte, fra dipinti, quadri specchianti, installazioni, lightbox, video e fotografie. Un’iniziativa che cade fra l’altro in un anno particolare: quello in cui la città di Biella si candida al network Unesco delle città creative, eleggendo lo stesso Michelangelo Pistoletto quale ambasciatore ufficiale del progetto.

Le prime committenze della famiglia Zegna ai Pistoletto risalgono al 1929, quando Ermenegildo, celebre fondatore dell’azienda, animato dalla convinzione che l’impresa dovesse assumersi una responsabilità sociale e artistica, commissionò a Ettore un ciclo di graffiti su L’arte della Lana. Oggi, la Fondazione Zegna è partner di molte delle iniziative di Cittadellarte, tra cui il progetto Visible e UNIDEE – Università delle Idee. Già nel 1973, con un evento intitolato anch’esso “Padre e Figlio”, ci fu l’innesco di quella che oggi, dopo la seconda iniziativa dal titolo “Ettore e Michelangelo. I coetanei”, si propone come la conclusione ideale di una trilogia.

Palazzo Gromo Losa è la prima tappa del percorso espositivo, incentrata sul rispecchiamento fra i lavori di Ettore e quelli di Michelangelo Pistoletto. Ritratti, autoritratti, le nature morte di Ettore e i Quadri specchianti di Michelangelo. Alcuni lavori, come L’arte assume la religione, del 1980, sono stati esposti solo in rare occasioni. Padre e figlio diventano “coetanei” attraverso l’arte, come suggerisce la lightbox del 1973 in cui entrambi sono ritratti all’età di 75 anni.

Casa Zegna, a Trivero, è principalmente scenario di un omaggio a Ettore Pistoletto Olivero: nell’edificio, per la prima volta in una mostra pubblica, sono esposti i dipinti dell’artista risalenti al biennio 1952-1953 raffiguranti le tappe per la realizzazione della Panoramica Zegna, percorso ambientale voluto da Ermenegildo Zegna e ancora oggi parte del grande parco naturale Oasi Zegna. Le tele e le immagini fotografiche circondano l’installazione Metamorfosi, collocata al centro della sala e alta più di tre metri. Nell’adiacente lanificio, invece, trova posto il più importante ciclo pittorico di Ettore, i dieci dipinti su L’arte della lana su pannelli mobili.

Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, dove l’esposizione si conclude, mostra invece Padre, figlio e creatività, una delle installazioni del ciclo Le Stanze, realizzato nel 1975 nella galleria Christian Stein. Un percorso multimediale racconta i progetti Visible e Unidee intervallandoli con una serie di ritratti di Ettore, tra cui Le tre figlie di Zegna, gruppo di famiglia proveniente dal Mart mai esposto prima, e le clip sul rapporto padre-figlio secondo i cittadini biellesi. La mostra è accompagnata da tre interventi video creati per l’occasione: Autoritratto attraverso mio padre (dialogo tra Michelangelo Pistoletto e Alberto Fiz), Lasciare un’eredità ai padri (conversazione tra Pistoletto e Anna Zegna), e L’arte della lana (qui Pistoletto e Anna Zegna mettono a confronto le tecniche tradizionali di lavorazione della lana con l’attuale processo produttivo ispirandosi all’omonimo ciclo di dipinti di Ettore Pistoletto Olivero).

Alla mostra è abbinata un'iniziativa che coinvolge gli utenti social: pubblicando su Facebook con l'hashtag #PadreeFiglio una foto originale a tema, ci sarà la possibilità di vederla esposta, insieme con i migliori contributi proposti dai partecipanti, fra le opere della rassegna.

Orari di apertura:

Sabato h 15.00-19.00 | Domenica h 11.00-19.00

Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì h 10.00-17.00 su prenotazione (gruppi di max. 25 persone - costo della visita 90,00 € + biglietti d’ingresso)

Aperture straordinarie:

16, 17, 18 e 19 aprile: 15.00-19.00 (su prenotazione)

22 aprile (Pasquetta), 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno e 15 agosto: 11.00-19.00

21 aprile (Pasqua): chiuso

 

Per info: www.padreefiglio.it

Casa Zegna

Via Marconi 23

Trivero (BI)

Tel. +39 015 7591463

archivio.fondazione@zegna.com