3. Cultura ed educazione

San Patrignano

ORIGINI
La comunità di San Patrignano nasce nel 1978 sui colli di Rimini, dalla volontà di Vincenzo Muccioli e un gruppo di volontari, diventando un punto di riferimento nella lotta contro le dipendenze grazie all’impegno ed alla passione della famiglia Moratti. Da allora ha accolto gratuitamente oltre 25mila ragazzi con problemi di dipendenza da sostanze stupefacenti offrendo loro una casa, una famiglia e la possibilità di imparare un mestiere o di ottenere un titolo di studio. Nel tempo alcune attività si sono strutturate in corsi di formazione come il San Patrignano Design Lab che dai primi anni Ottanta è diventato un centro di alto artigianato con laboratori di falegnameria, lavorazione del ferro e del cuoio, dei parati e della tessitura.

LA VISIONE COMUNE
Il telaio a licci è il mezzo attraverso il quale si esprime il valore aggiunto di una manualità rara, maturata da una cultura trasmessa nel tempo. San Patrignano incarna il percorso a ritroso nella tracciabilità di un Made in Italy fatto di artigianalità e di eccellenza. Valori indispensabili che sommati alla creatività identificano il senso dei laboratori di formazione che a San Patrignano coinvolgono i ragazzi in percorsi formativi per il loro futuro professionale.

IL PROGETTO
Da sempre il percorso di recupero dei ragazzi di San Patrignano passa anche attraverso il riconoscimento del valore della bellezza e la ricerca della qualità come espressione del loro impegno. Il progetto sostenuto da Fondazione Zegna ha l’obiettivo di aiutare il laboratorio tessile a valorizzare un mestiere artigianale antico, contribuendo alla formazione delle ragazze e rendendolo contemporaneo nello stile e nel design.

San Patrignano

www.sanpatrignano.org/it