News

30.10.2019 | casa zegna

È ufficiale: Biella è "Città creativa" Unesco

La Fondazione Zegna celebra con entusiasmo la notizia pubblicata sul sito internazionale dell’Unesco

Biella è una città creativa dell’Unesco. La Fondazione Zegna celebra con entusiasmo la notizia pubblicata sul sito internazionale dell’Unesco, epilogo più che positivo della candidatura biellese per entrare nella rete delle “Creative cities” con il sostegno ufficiale della Commissione italiana UNESCO. Una notizia che potrà avere importanti ricadute sul territorio, e che gratifica chi fin dall’inizio ha creduto nel progetto. Dopo aver superato la prima fase della candidatura, Biella era in attesa, insieme con Bergamo, Trieste e Como, di una conferma ufficiale. Che adesso, finalmente, è arrivata. Biella è Città Creativa Unesco nel settore Crafts and Folk Art.  Anche per Bergamo, un gran riconoscimento: quello nel settore della Gastronomia.

È stato Michelangelo Pistoletto a disegnare il logo dell’iniziativa. Il sindaco di Biella, Claudio Corradino, aveva detto, all’indomani del superamento della prima fase selettiva: ““Credo con forza nelle potenzialità della candidatura di Biella e questo risultato è davvero importante. Sono convinto che Biella abbia tutte le carte in regola per superare anche la selezione della Commissione Unesco a Parigi e mi spenderò personalmente in ogni sede istituzionale per raggiungere questo risultato”. Come si dice: missione compiuta.

Questo l'elenco delle nuove città entrate a far parte del network Creative Cities, nei rispettivi ambiti:

Afyonkarahisar (Turkey) – Gastronomy
Ambon (Indonesia) – Music
Angoulême (France) – Literature
Areguá (Paraguay) – Crafts and Folk Art
Arequipa (Peru) – Gastronomy
Asahikawa (Japan) – Design
Ayacucho (Peru) – Crafts and Folk Art
Baku (Azerbaijan) – Design
Ballarat (Australia) – Crafts and Folk Art
Bandar Abbas (Iran [Islamic Republic of]) – Crafts and Folk Art
Bangkok (Thailand) – Design
Beirut (Lebanon) – Literature
Belo Horizonte (Brazil) – Gastronomy
Bendigo (Australia) – Gastronomy
Bergamo (Italy) – Gastronomy
Biella (Italy) – Crafts and Folk Art
Caldas da Rainha (Portugal) – Crafts and Folk Art
Cebu City (Philippines) – Design
Essaouira (Morocco) – Music
Exeter (United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland) – Literature
Fortaleza (Brazil) – Design
Hanoi (Vietnam) – Design
Havana (Cuba) – Music
Hyderabad (India) – Gastronomy
Jinju (Republic of Korea) – Crafts and Folk Art
Kargopol (Russian Federation) – Crafts and Folk Art
Karlsruhe (Germany) – Media Arts
Kazan (Russian Federation) – Music
Kırşehir (Turkey) – Music
Kuhmo (Finland) – Literature
Lahore (Pakistan) – Literature
Leeuwarden (Netherlands) – Literature
Leiria (Portugal) – Music
Lliria (Spain) – Music
Mérida (Mexico) – Gastronomy
Metz (France) – Music
Muharraq (Bahrain) – Design
Mumbai (India) – Film
Nanjing (China) – Literature
Odessa (Ukraine) – Literature
Overstrand Hermanus (South Africa) – Gastronomy
Port of Spain (Trinidad and Tobago) – Music
Portoviejo (Ecuador) – Gastronomy
Potsdam (Germany) – Film
Querétaro (Mexico) – Design
Ramallah (Palestine) – Music
San José (Costa Rica) – Design
Sanandaj (Iran [Islamic Republic of]) – Music
Santiago de Cali (Colombia) – Media Arts
Santo Domingo (Dominican Republic) – Music
Sarajevo (Bosnia and Herzegovina) – Film
Sharjah (United Arab Emirates) – Crafts and Folk Art
Slemani (Iraq) – Literature
Sukhothai (Thailand) – Crafts and Folk Art
Trinidad (Cuba) – Crafts and Folk Art
Valladolid (Spain) – Film
Valledupar (Colombia) – Music
Valparaíso (Chile) – Music
Veszprém (Hungary) – Music
Viborg (Denmark) – Media Arts
Viljandi (Estonia) – Crafts and Folk Art
Vranje (Serbia) – Music
Wellington (New Zealand) – Film
Wonju (Republic of Korea) – Literature
Wrocław (Poland) – Literature
Yangzhou (China) – Gastronomy

Il direttore generale dell'Unesco, Audrey Azoulay, ha dichiarato: “All over the world, these cities, each in its way, make culture the pillar, not an accessory, of their strategy. This favours political and social innovation and is particularly important for the young generations.”